HOME Ansia e Depressione Omeopatia Fitoterapia Alimentazione Curiosità

Di: Marco Tunice di mercoledì 11 Gennaio 2017 15:42

Cocculus il rimedio per le vertigini

Il Cocculus Indicus è una mandorla bianca, frutto dell’Anamirta Cocculus, arbusto della famiglia delle Menispermacee, originario dell’India. L’estratto che si ottiene da questo frutto contiene alcuni alcaloidi e un principio attivo, la Picrotossina, questa sostanza a dosi ponderali è in grado di agire a livello dei neuroni vestibolari secondari generando vertigini e disturbi della deambulazione, mentre a livello dell’apparato digerente determina nausea e vomito.

Cocculus nella forma omeopatica è utilizzato per modulare tutta quella sintomatologia che provoca nella forma di estratto. Le principali indicazioni del rimedio riguardano tutti quei disturbi che colpiscono il sistema nervoso, in particolare quando è associata una componente riguardante le vertigini. il soggetto che ottiene beneficio da Cocculus è un soggetto spesso ansioso, presenta una marcata debolezza del sistema nervoso e tende a reagire a stimoli esterni inizialmente con iper-eccitabilità e con manifestazioni a livello gastrointestinale.

La condizione di base che caratterizza questi soggetti è una debolezza generale che può essere transitoria, ad esempio derivante da turni lavorativi notturni o veglie notturne per accudire qualcuno. Più sovente è una caratteristica di fondo, si tratta di soggetti che non riescono a recuperare con il sonno e durante la fase attiva della giornata questa debolezza compare a seconda delle sollecitazioni a cui sono sottoposti.

Quando questa condizione si cronicizza si passa da una sintomatologia acuta/occasionale come emicranie e vertigini a una condizione di torpore mentale con difficoltà a formulare pensieri e a svolgere attività fisica; il soggetto diventa sempre più passivo rallentando le sue attività.

Riassumendo le manifestazioni più caratterizzanti il rimedio Cocculus sono:

  • Vertigini con senso di svenimento
  • Debolezza e spossatezza dopo lavoro con frequenti turni notturni
  • Mal di mare, aereo, auto e montagna con nausea e vomito
  • Intorpidimento mani e piedi
  • Torpore mentale, difficoltà a reagire
  • Atassia

In alcuni casi le vertigini possono innescarsi guardando oggetti in movimento in macchina o in treno, per questo il rimedio si presta ad essere utilizzato come preventivo per chi soffre di cinetosi, prima di un viaggio.

Come sempre queste indicazioni rappresentano degli spunti di riflessione e conoscenza, mentre per quanto riguarda l’eventuale utilizzo del rimedio è fondamentale rapportarsi con un terapeuta qualificato.

SOCIAL

MARCO TUNICE

  • Chi sono


  • Contattami a:
    info@quellichelansia.it