HOME Ansia e Depressione Omeopatia Fitoterapia Alimentazione Curiosità

Di: Marco Tunice di lunedì 26 Marzo 2018 18:05

Caffè omeopatico

Il caffè è una delle bevande ad azione tonicizzante più diffuse ed apprezzate, si ottiene per infusione dei semi tostati di alcune piante appartenenti al genere Coffea (famiglia Rubiacee). Il principale alcaloide riscontrabile nella bevanda e responsabile degli effetti a livello nervoso e sistemico è la caffeina.

Per il caffè, come per ogni altra sostanza, troviamo soggetti più o meno sensibili all’azione della bevanda, per alcuni è semplicemente un buon digestivo a fine pasto, grazie alla sua acidità e al suo aroma, mentre soggetti più sensibili possono manifestare, a dosi minime, irrequietezza, insonnia, agitazione e tremori.

Sono proprio i soggetti più sensibili ad essere inquadrabili, dal punto di vista omeopatico, come soggetti Coffea e possono trarre giovamento dall’utilizzo del rimedio a diluizioni omeopatiche.

La tipologia Coffea è un soggetto molto sensibile, timido, nervoso e iper-reattivo, la iper-reattività è spesso associata a repressione, ci può essere una debolezza della volontà o una eccessiva tolleranza simile a Staphysagria.

Coffea a causa della facile eccitabilità del sistema nervoso tende a disperdere energia, soffrire di insonnia e generare nevralgie e debolezza. in generale possiamo affermare che il soggetto Coffea rappresenta un buon candidato per sviluppare stati di panico e ansia cronicizzata.

Caratterizzazione della tipologia Coffea:

  • Eccitazione mentale con percezioni acute continue elaborazioni mentali
  • ipereccitabilità sistema nervoso, insonnia
  • grande sensibilità a rumori, sapori e stimoli tattili
  • Aggravamento bevendo caffè
  • Aspetto esile, emaciato
  • Cefalee, peggiorate dalla musica, dal rumore

Come sempre le indicazioni riportate hanno lo scopo di indurre spunti di riflessione, mentre per un eventuale utilizzo del rimedio, il consiglio è di rivolgersi al proprio terapeuta di fiducia, per una valutazione e tutte le indicazioni del caso.

SOCIAL

MARCO TUNICE

  • Chi sono


  • Contattami a:
    info@quellichelansia.it